Luna sez2-Circolo Culturale Astrofili Trieste

Luna sezione 2

SEZIONE 2

ATLAS: un magnifico recinto circolare di 88 km. I suoi bordi terrazzati si elevano a 3 300 metri dal piano del cratere. All'interno del piano si notano particolari interessanti, come uno o due anelli concentrici di vecchia formazione, altre vallate e alture con chiazze di terreno con chiazze di terreno scure ma che sembrano cambiare ogni lunazione. Non ci sono dubbi che questi cambiamenti sono dovuti solo all'alternanza dell'illuminazione, ma comunque sono motivo di studio. Più a sud-ovest di Atlas troviamo il nitido cratere Franklin; 55 km di diametro e 2 400 metri di altezza sulle pareti esterne. All'interno si nota un anello concentrico di vecchia costituzione simile a quello riscontrato su Cepheus, Cersted, Chevallier e Shuckburgh. A sud di Atlas c'è un cratere brillante e profondo, Maury, del diametro di 17 km. Il cratere più importante dopo Atlas è Hercules che con Atlas forma un binomio veramente valido all'osservazione.

BERNOUILLI: un ben delineato cratere di 45 km di diametro con alte cinta soprattutto verso ovest dove raggiungono un'altezza di 3 900 metri. A ovest si trovano un altro paio di crateri, Berosus e Hahn; Berosus è il più grande e ben distinto con un diametro di 75 km e con pareti a terrazza.

BERZELIUS: con i suoi 43 km di diametro racchiude nella sua parte interna un picco centrale che spicca nel fondo scuro e piatto del piano craterico.

CEPHEUS: cratere vicino a Franklin. Ha un diametro di 45 km e le sue alte bordure sono interrotte a nord-ovest da un cratere di impatto molto brillante denominato CEPHEUS-A . Tra Cepheus e Franklin si nota un anello ormai consunto di un vecchio cratere.

ENDYMION: un importante ed interessante cratere di diametro 125 km. Le pareti sono alte e il suo piano contiene un picco centrale che raggiunge i 4 500 metri. Il piano del cratere è molto scuro e facilmente individuabile in qualsiasi condizione di illuminazione. Come su Atlas vi sono delle formazioni di macchie che cambiano ogni lunazione regolarmente nel tempo, presso Endymion c'è il cratere molto regolare L. F. BALL . Equivalente come dimensioni, vicino ad Endymion si trova De La Re.

GAUSS: uno dei più grandi crateri lunari, con i suoi 161 km di diametro, e le pareti che sono particolarmente alte e continue. Il piano racchiude un picco centrale e lunghe fratture interne. Sfortunatamente si trova vicino al limbo lunare e quindi è difficile da studiare. E' stato fotografato durante le missioni Apollo e dalla sonda automatica Lumi III.

GEMINUS: un grande compagno di Bernouilli. Con un diametro di 88 km e ampie terrazze sui fianchi dei bordi delle pareti che in alcuni punti raggiungono i 4 800 metri. Al centro del piano del cratere si può notare una collina rotondeggiante con al centro un crepaccio di forma circolare. Vicino c'è il cratere BURCKHARDT .

MERCURIUS: un cratere ben distinguibile di diametro di 53 km e un picco centrale. Alla sua destra troviamo il cratere Hallowes che ha circa le medesime dimensioni ed è stato "rovinato" da un cratere piuttosto piccolo, ZENO .

MESSALA: un "circo" o cratere molto ampio con basse pareti e interrotte in più punti, indice di antica costituzione. Vicino notiamo Hooke, di diametro 43 km, che risulta piccolo vicino ai 129 km di Messala, ma che è profondo e molto ben delineato. Tra Messala e Zeno c'è Schumacher con il piano interno collassato (diametro 40 km), poi c'è Struve, in piccolo anello con picco centrale facile da osservare perché si trova in un'area di terreno più scuro.

TAURUS, Mou.: quest'area di altopiani è stata descritta nella Sezione 1 e si estende da Berzelinus verso il cratere Rømer.
 

Copyright © 2020. www.www.astrofilitrieste.it .